GLI ONOMASTICI DELLA SETTIMANA PER GLI ALLIEVI DEL 19° CORSO

NOME

DATA

ALLIEVI

SIGNIFICATO

Renzo

10/8

Perazzolo

Significato: cittadino di Laurento. Origine: latina. Segno Zodiacale del Capricorno. Numero portafortuna: 1. Colore: verde. Pietra: smeraldo. Metallo: mercurio.
Il nome è largamente distribuito in tutta Italia, anche in numerose varianti, quali Laurenzo, Laurenzio (in uso anche al femminile) e nella forma abbreviata Renzo. Alla base del nome c'è l'antico gentilizio latino di origine etnica che si rifaceva a Laurentum, l'antichissima città del Lazio il cui nome era collegato a lauretum, “bosco di lauri”. Si è diffuso, a partire dal tardo Impero, per il culto di s. Lorenzo arcidiacono a Roma, che subì il martirio arrostito su una graticola nel 258 sotto Diocleziano e che è venerato come patrono di Grosseto, di Roma, di Alba, dei librai, dei cuochi e dei pompieri. Il 7 febbraio la Chiesa festeggia anche s. Lorenzo di Siponto, fondatore di un santuario a s. Michele del Gargano. Tra i personaggi di prestigio si ricordano Lorenzo de'Medici detto “il Magnifico”, mecenate e poeta del Cinquecento; l'architetto e scultore del Seicento Bernini; i pittori Lotto (1480-1556) e Bartolini (1777-1850); l'attore inglese Olivier. La forma Rienzo, di matrice ideologica e letteraria, ricorda il tribuno e riformatore romano Cola di Rienzo (Nicola di Lorenzo), ucciso in un tumulto popolare nel 1347.

La comunicazione gli appartiene ma solo nella sfera professionale, dove la utilizza per trasmettere, unire, creare legami, realizzare rapporti e profitti. E' aperto e loquace, un collega davvero stimolante. Ma guai a parlare della sua vita privata, la comunicazione si interrompe bruscamente. Marito fedele e padre premuroso, Lorenzo è geloso della sua privacy.

Ippolito

13/8

Gassirà

Significato: che scioglie le briglia ai cavalli. Origine: greca. Segno Zodiacale del Capricorno. Numero portafortuna: 7. Colore: verde. Pietra: smeraldo. Metallo: rame.
Derivato dall'antico nome personale greco Hippolytos, latinizzato in Hippolitus, il nome si è distribuito in tutta Italia, con più frequenza nel Sud con uso anche femminile, sia per la continuata e influente presenza greco-bizantina sia per la ripresa della lettura di opere di cultura classica. Nella mitologia infatti l., il bellissimo figlio di Teseo e di Ippolita, regina delle Amazzoni, avendo respinto l'amore della matrigna Fedra fu accusato ingiustamente da lei di fronte al padre e morì trascinato da cavalli spaventati da un mostro marino. La vicenda fu narrata nelle tragedie di Euripide, Seneca, Racine e D'Annunzio. La chiesa ricorda s. I. di Roma esegeta cristiano, martirizzato in Sardegna nel 235, patrono dei carcerieri. Tra i personaggi famosi, il cardinale di Ferrara I. d'Este; il letterario e poeta Pindemonte (1753-1828) e lo scrittore e patriota dell'Ottocento: Nievo.

Altrettanto abile negli sport pericolosi quanto nelle attività che esigono intelligenza, memoria e coraggio, I. sembra un virtuoso ricolmo di indifferenza ma in realtà è una creatura ipersensibile, docile, tenera e impaziente di trovare l'amore vero, nel quale riporrà tutte le sue speranze e le sue aspirazioni, e al quale resterà fedele per tutta la vita.