GLI ONOMASTICI DELLA SETTIMANA PER GLI ALLIEVI DEL 19° CORSO

NOME

DATA

ALLIEVI

SIGNIFICATO

Enrico

13/7

Pierdominici - Vadacca

Significato: potente, dominatore nella sua patria; Origine: germanica. Segno Zodiacale del Sagittario. Numero portafortuna: 9 Colore: viola. Pietra: ametista Metallo: argento.
Il nome è diffuso in tutta Italia. Nel Nord, particolarmente in Lombardia, è dominante la forma Enrico, mentre nel Lazio e in Campania prevale la variante Errico. Arrigo è una variante con forza di nome proprio, attestata già dal 1° secolo soprattutto in Toscana. Il nome germanico di base si è affermato in Italia per il prestigio di imperatori e re di Germania, Sassonia, Svevia e Lussemburgo, ma nella storia ben quattro re di Francia, due del Portogallo e otto d'Inghilterra portarono il nome Enrico: tra questi, famoso Enrico VIII, che promosse lo scisma dalla Chiesa cattolica e si proclamò capo della Chiesa anglicana nel 1531. La Chiesa ricorda s. Enrico, secondo imperatore di Germania, morto nel 1024.

Molti i personaggi storici con questo nome: il fisico italiano Fermi; l'eroe della Prima guerra mondiale Toti; il presidente statunitense H. Truman; i pittori francesi H. Matisse e H. Toulouse Lautrec, il pittore italiano Baj; il drammaturgo norvegese H. lbsen (1828-1906); il tenore Caruso (1873-1921).

Enrico è chiaro e allegro come il suo nome. Il suo aspetto è cavalleresco, ricco di una grazia semplice e aristocratica. Non insegue il denaro la conoscenza; ha bisogno di credere in qualche utopia per fuggire dalla realtà con la quale, ciò malgrado, comunica con inaspettata facilità. E' generoso, entusiasta e vivace.

Carmine - Carmelo

16/7

Fiore - Garufi

Significato: giardino di Dio Origine: ebraica; Segno Zodiacale dell'Acquario. Numero portafortuna: 8. Colore: giallo; Pietra: topazio Metallo: nichel.
Presente quasi totalmente nel Sud, resta tuttavia al nono posto tra i nomi femminili. Numerose sono le varianti, tra cui Carmen, Carmelina, Carmelita e Carmela Maria. La sua diffusione nasce dal nome del monte Karmel, in Palestina, nelle cui grotte il profeta Elia avrebbe compiuto molti miracoli. Il crociato calabrese Bertoldo fondò nel 1208 l'Ordine Carmelitano, quello degli eremiti di Nostra Signora del Carmelo. Nel 1251 il frate inglese Simone Stock affermò che sul monte Karmel gli era apparsa la Madonna.

Attualmente il nome è conosciuto quasi esclusivamente in Italia e nei paesi di lingua spagnola, per i quali vale principalmente la versione Carmen, tornata in voga a partire dal secondo Ottocento grazie all'opera lirica omonima di Bizet, del 1875.

Due esseri convivono in C., uno gioioso, contento di vivere, vulcanico, mai stanco; l'altro intrattabile, tendente all'assoluto, carico di pensieri. Il suo fascino deriva da questo intruglio di gioie e dolori che ciò nonostante non impedisce alle sue migliori qualità di emergere: generosità, fedeltà, intuito.

Simmaco

19/7

Natale

Il nome latino Symmachus, derivato dal nome greco Σύμμαχος (Symmachos): è composto da συν (syn, "insieme" e μαχεσθαι (machesthai), "combattere", da cui il significato viene interpretato come "alleato in battaglia", "compagno d'armi"[, "confederato".

Secondo altre fonti avrebbe invece origine ebraica, con il significato di "gioia". In Italia, è diffuso principalmente in Campania, soprattutto nel Casertano, dove il diminutivo è "Simmiello", rispecchiando la diffusione del culto di san Simmaco patrono di Santa Maria Capua Vetere.